Questi i quesiti su cui si dovrà votare il Referendum proposto dal Partito Radicale:

  1.  «Volete voi che Roma Capitale affidi tutti i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e su rotaia mediante gare pubbliche, anche a una pluralità di gestori e garantendo forme di concorrenza comparativa, nel rispetto della disciplina vigente a tutela della salvaguardia e la ricollocazione dei lavoratori nella fase di ristrutturazione del servizio?».
  2.  «Volete voi che Roma Capitale, fermi restando i servizi relativi al trasporto pubblico locale di superficie e sotterraneo ovvero su gomma e rotaia comunque affidati, favorisca e promuova altresì l’esercizio di trasporti collettivi non di linea in ambito locale a imprese operanti in concorrenza?
Per essere valido il Referendum dovrà superare il quorum del 33%, hanno diritto al voto tutti i cittadini iscritti nelle liste elettorali di Roma Capitale.

Il secondo quesito su cui i cittadini sono chiamati a votare fa riferimento ai servizi pubblici non di linea e cioè a quei servizi che rientrano nella legge 15 gennaio 1992 n. 21, ecco perchè l'indicazione dell'ANITraV è quella di dare un deciso SI ad entrambe i quesiti, in tal modo, se l'Amministrazione Capitolina darà seguito alle indicazioni dei cittadini, per il servizio di noleggio con conducente si aprirebbe uno scenario incredibilmente positivo.

Per una volta che gli operatori NCC hanno la possibilità di far crescere la propria attività che la sfruttino dando il proprio SI su entrambe i quesiti.

11 novembre 2018 andate alle urne apponendo un bel SI,  dimostriamo che esistiamo.


Il Presidente
Mauro Ferri


Roma lì, 5 novembre 2018
Nuova Volvo S90 per NCC


Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni