IL GIORNO 18 DICEMBRE 2018 - ORE 10.00
LE IMPRESE, I LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMPARTO NCC E LE PROPRIE FAMIGLIE  ARRIVERANNO DA TUTTA ITALIA A ROMA 
IN PIAZZA DELLA REPUBBLICA
  • CONTRO LA SUDDITANZA DEI POLITICI ALLA LOBBY DEI TASSISTI CHE NEL 2008 HANNO PRETESO UNA MODIFICA ALLA LEGGE QUADRO DEI NOLEGGIATORI ATTRAVERSO L'INSERIMENTO DI RESTRIZIONI MEDIOEVALI NEL MILLEPROROGHE 2008, SENZA UN ITER PARLAMENTARE GARANTITO DALLA COSTITUZIONE ITALIANA. MODIFICA  SOSPESA NELL'EFFICACIA DA 5 GOVERNI E DA 10 ANNI PER CRITICITA' COSTITUZIONALI E CHE, IN MANCANZA DI ULTERIORE PROROGA DELLA SOSPENSIONE, ENTRERA’ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2019, RENDENDO ILLEGITTIMO L'ATTUALE L'EGITTIMO ESERCIZIO DEGLI NCC 
  • PER SENSIBILIZZARE E CHIEDERE AL GOVERNO UNA ULTERIORE PROROGA DELLA SOSPENSIONE DELL'EFFICACIA DEL 29/1QUATER, AL FINE DI RIVISITARE LA LEGGE QUADRO PER GLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA CON PRINCIPI PIU' MODERNI RISPETTO A QUELLI DEL 1992,
  • A DIFESA DI 80.000 IMPRESE ITALIANE E DI 200.000 ADDETTI CHE MANTENGONO LE PROPRIE FAMIGLIE CON IL LAVORO DI NOLEGGIATORE.
TRA IL 18 ED IL 19 DICEMBRE IL GOVERNO VARERA' LA LEGGE DI BILANCIO, ULTIMO ATTO PER IL 2018 CON CUI DEVE SISTEMARE ANCHE GLI OPERATORI NCC, CHE SONO PRONTI A BLOCCARE AEROPORTI, AUTOSTRADE E CITTA' NEL CASO IL GOVERNO SI PIEGHI ALLA IRRAZIONALE VOLONTA' DEI TASSISTI.
LE SIGLE SINDACALI STANNO CERCANDO DI FAR CAPIRE ALLA POLITICA CHE NON SI PUO' CAMBIARE UNA LEGGE PER RENDERE UN FAFORE AD UNA CATEGORIA, UNA LEGGE CHE RENDEREBBE ABUSIVO IL LAVORO DEGLI NCC CHE SINO AL 31 DICEMBRE 2018 OPERERANNO IN MODO DEL TUTTO LECITO ED A NORMA DI LEGGE COME LO FANNO DAL 1992 E CHE RISCHIANO DAL 1 GENNAIO 2019 DI ESSERE CANCELLATI DAL MERCATO DEL TRASPORTO PERSONE PER ASSURDE ED IMPRATICABILI PROMESSE POLITICHE.

UNITI SI VINCE