Anche la Guardia di Finanza, vista l'emergenza che coinvolge tutta l'Italia, con circolare protocollo 0073943/2020 a firma del Capo III reparto Giuseppe Arbore ha deciso di riprogrammare la propria attività, ordinando ai propri uomini di sospendere le attività relative ai controlli in materia di fisco, lavoro e riciclaggio e di concentrarsi dando supporto ai controlli necessari per l'emergenze Coronavirus.
Tale provvedimento avrà validità sino a cessata esigenza che attualmente risulta essere imprevedibile.
Pertanto sono bloccate le seguenti attività:
  • verifiche;
  • controlli fiscali;
  • controlli in materia di lavoro, d'intesa con i contribuenti interessati fatta salva indifferibilità ed urgenza (ad esempio contestazioni di lavoro che potrebbero scadere);
  • controlli strumentali;
  • controlli antiriciclaggio.
Conseguentemente l'attività della GdF sarà maggiormente rivolta:
  • all’individuazione di frodi e condotte illegali e speculative che abbiano relazione con l’epidemia da COVID-19, come il mercato parallelo di vendita di mascherine o gel disinfettanti;
  • alla vigilanza delle gare per l’approvvigionamento delle apparecchiature medicali;
  • all’evitare l’indebita percezione delle risorse pubbliche destinate a sostegno di imprese e famiglie;
  • ai controlli in Dogana per garantire che le merci in entrata o in uscita siano sicure e non contraffatte;
  • al rispetto delle misure anti-contagio, come il divieto di assembramento nei luoghi pubblici, la chiusura dei locali commerciali non necessari e le altre disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che detta la disciplina in materia in questa fase di emergenza sanitaria;
  • al controllo su strada affiancando le altre Forze dell'Ordine.
Augurando un buon lavoro alla Guardia di Finanza, A.N.I.Tra.V. ricorda a tutti di rispettare le restrizioni prescritte nell'interesse della catagoria NCC e della popolazione tutta.

Ilaria de Guz

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni pubblicate in questa pagina sono di proprietà di A.N.I.Tra.V. chiunque voglia riprodurre anche parte del contenuto sui propri supporti Web e non, è tenuto ad informare la direzione all'indirizzo e-mail anitrav@anitrav.com e riportare in chiaro il link della fonte.