Un sondaggio tra gl'italiani, condotto da You Trend, si dice favorevole ad una riforma del servizio di trasporto pubblico non di linea, ritenendo che ciò ne possa migliorare la qualità, l'offerta ed anche la tariffa.
Il tutto è il risultato di un'insoddisfazione circa il servizio offerto dai taxi:  scarsa qualità, poca chiarezza circa la tariffa e costoso. Oltretutto il 74% dei viaggiatori all'estero nei ultimi 5 anni, ha riscontrato che il servizio taxi italiano è peggiore di quello fuori confine.
Lorenzo Pregliasco di You Tred così commenta il sondaggio: "La ricerca evidenzia che la maggioranza assoluta degli intervistati - un campione rappresentativo di italiani residenti nelle città sopra i 100.000 abitanti - auspica una riforma del trasporto pubblico non di linea, per migliorare qualità ed efficienza del servizio, ma anche per i possibili effetti positivi sulla creazione di posti di lavoro".
Visto che non è solo A.N.I.Tra.V. , che da anni da voce alle imprese del Noleggio Con Conducente, chiedendo la riforma della legge 21/92 in modo congruo, ma a questa si uniscono anche i cittadini, il Governo non può più far finta di nulla e continuare a sottostare alle lobby, ha il dovere di rispondere agli italiani tutti ed interessarsi a questo settore.
Nel frattempo lotteremo per poter mantenere in vita gli N.C.C. simbolo di qualità, sicurezza, certezza dei costi ed al passo con le innovazioni tecnologiche.
Italiani, noi ci stiamo impegnando  per ottenere una legge che possa darvi un servizio sempre migliore.
 
Ilaria de Guz
 
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Le informazioni pubblicate in questa pagina sono di proprietà di A.N.I.Tra.V. chiunque voglia riprodurre anche parte del contenuto sui propri supporti Web e non, è tenuto ad informare la direzione all'indirizzo e-mail anitrav@anitrav.com e riportare in chiaro il link della fonte.
 
 

Notizie Correlate