La sospensione del pagamento degli 89,00 euro di certo non soddisfa gli operatori ncc, la violazione della Legge 21/1992 da parte del Comune di Roma rimane in piedi; di certo non erano e non sono gli 89,00 euro il problema per le imprese ncc, ma il dover produrre una serie di documenti insignificanti per l'accesso al territorio del Comune di Roma Capitale, l'assurdità che un qualunque cittadino del mondo possa transitare nel territorio del comune di Roma ed un noleggiatore non lo possa fare mi fa tornare indietro nel tempo e mi fa sentire come gli ebrei al tempo del fascismo e del nazismo!!

Ci manca il marchio sulla pelle o la stella di David sulle nostre autovetture a segnare il nostro essere indesiderati...

Intanto, mentre all'Agenzia della Mobilità si consumano, giorno dopo giorno, abusi di potere, determinati dall'ignoranza di chi ha scritto una delibera ed un regolamento talmente assurdi che non hanno un significato razionale e ragionevole, gli ebrei/ncc si lasciano marchiare a fuoco e si incazzano pure se l'impiegatuccio di turno, nel pieno godimento orgasmico che l'attimo di potere gli  concede nel rigettare una richiesta di autorizzazione, gli rifiuta la pratica.

Come direbbe un tassista "Hao bhè na piotta l'avemo risparmiata", questo molti lo penseranno, io no, io non lo penso, anzi non mi sta bene che la cautelare abbia ravvisato un danno solo economico; è vero che l'udienza è stata fissata a brevissimo (18 aprile p.v.) per discutere la richiesta di sospensiva da noi richiesta che, come potete leggere nel decreto del TAR allegato alla presente, si riferisce sia alla delibera 68/2011 che a quella n 403/2011 nella loro totalità, però il vero danno sta nella richiesta di un'autorizzazione ad accedere al territorio del comune di Roma, quando ogni attività economica può liberamente accedervi per espletare il proprio lavoro, addirittura il pugliese Alemanno ci sta e fa il sindaco a Roma.

Questo non mi sta bene, non mi sta bene che pur essendo nato a Roma 57 anni fa e pur avendoci vissuto sino ad ora, per lavorarci, per transitarci sono costretto a richiedere una autorizzazione, quando per il mio lavoro sono già autorizzato non solo dallo stesso Comune di Roma (avendo una autorizzazione ncc romana) ma anche da altri due comune italiani, visto che una politica di sinistra ottusa prima ed una di destra arrogante, clientelare ed incapace oggi, hanno fatto passare oltre 20 anni da l'ultimo bando di concorso per il rilascio di autorizzazioni ncc romane; torno a dire che a dimostrazione dell'incapacità e delle collusioni clientelari dei vari amministratori pubblici che si sono susseguiti alla guida della più bella città d'Italia c'è la enorme differenza di peso specifico tra le licenze taxi romane e le autorizzazioni ncc, sempre romane, il rapporto è 8.000 licenze taxi a FRONTE DI SOLE 1.000 AUTORIZZAZIONI NCC.

Poi c'è tutto l'aspetto giuridico e legislativo che ruota intorno all'ordinamento comunitario, ma questo per ora ve lo risparmio, lasciandolo esprimere ai bravi legali Valentina Porro e Marco Piancatelli che si stanno battendo a difesa di una categoria che forse neanche se ne accorge e che si incazza se l'impiegatuccio spaesato dalle cazzate dei politici e da tutti sti noleggiatori che vogliono una autorizzazione che già hanno....gli rifiuta l'inutile richiesta di autorizzazione a transitare nel comune di Roma.

Leggiti il Decreto Cautelativo allegato e dacci una mano a lottare... per noi, per i tuoi figli, il tuo mutuo, la tua famiglia...ed anche per te caro ncc ebreo e non ti incazzare se ti chiudono il forno crematorio davanti...forse è meglio così, hai visto quelli che per essere sbruciacchiati hanno anche pagato ? Ora ? li riprenderanno quei soldini ?

Il Presidente
Mauro Ferri

Il Direttore Nazionale
Giuseppe Di Resta
 

Torna alla lista        Stampa
Documenti collegati:
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni