Un incontro avvenuto nella più totale serenità che ha permesso ai rappresentanti delle associazioni presenti di esporre con chiarezza le varie problematiche inerenti al settore dell'ncc.

Ha aperto gli interventi proprio il nostro Presidente che in circa 20 min ha esposto con estrema chiarezza i vari punti che riportiamo nel documento ufficiale consegnato al Presidente dell'Autority Dott. Camanzi.

Una rapida panoramica a 360 gradi su tutto quanto accaduto dal 2008 sino ad oggi è stata la premessa per poi inoltrarsi nelle varie vicende nazionali che stanno sconvolgendo le imprese ncc, si è parlato di UBER e dei sequestri di imbarcazioni nel Veneto, di come i vari comuni italiani (8.000) emettono regolamenti e norme senza tener conto delle Leggi nazionali andando ogniuno in una libera ede alquanto surreale interpretazione in merito alla vigenza o meno delle modifiche apportate alla Legge 15 gennaio 1992 n 21 dal comma 1 quater art. 29 DL 207/2008.

I nostri rappresentanti hanno richiesto la costituzione di un Osservatorio Permanente proprio presso l'Autority;
la necessità di salvaguardare le circa 80.000 imprese di ncc italiane;
di verificare la regolarità di forme atipiche di trasporto come ad esempio Bla Bla Car o come il trasporto persone affidato a cooperative sociali.

Al termine dell'incontro il nostro Presidente ha dichiarato; " La commisione presente guidata dal Dott. Camanzi, la Dott.ssa Marinari e dall'On. Valducci ha mostrato attenzione ed interesse nel corso dell'audizione, intervenendo con domande precise, mostrando grande competenza e voglia di capire cosa realmente stia accadendo nel mondo del noleggio con conducente, rappresentando anche il settore natanti abbiamo voluto far capire il danno che il noleggio da diporto sta causando nel settore appunto natanti che effettuano trasporto persone,abbiamo anche puntato il dito sul trasporto effettuato da hotel con propri mezzi che mettono a rischio la sicurezza dei trasportati poichè i conducenti di tali veicoli non possiedoni i requisiti tali da poter esercitare tali attività. La sensazione personale è che forse si è trovato il giusto persorso da intraprendere e molto probabilmente l'Autority per i trasporti sarà in grado di mettere in ato tutte quelle regolamentazioni oggi mancanti nel settore dei servizi pubblici."

In allegato il documento ANITraV consegnato nelle mani della Dott.ssa Marinari.

Torna alla lista        Stampa
Documenti collegati:
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni