Nel corso dell'audizione l'ANITraV, rappresentata dal Pres. Mauro Ferri coadiuvato da Giulio Aloisi e da Giuseppe Di Resta, ha depositato un documento contenente i principi su cui la  X Commissione potrebbe sviluppare il proprio intervento in materia dei servizi pubbli non di linea ed in particolar modo sul servizio di NCC.

Nel corso dell'intervento il Presidente ANITraV ha evidenziato le problematicità in cui si trovano le imprese NCC italiane nel mercato del trasporto persone a causa della modifica alla L. 21/1992 apportata dal 29/1-quater, infatti mentre le imprese italiane del settore sono vincolate nell'esercizio della propria attività da restrizioni anacronistiche, quelle europee esercitano tranquillamente nel territorio italiano senza restrizioni e vincoli territoriali.

Il nostro Presidente ha esposto anche sulle difficoltà di sviluppo delle imprese NCC nonchè sulle criticità relative all'occupazione determinate dall'incertezza di una norma non in vigore ma in molte località erroneamente applicata a causa di personali interpretazioni sull'entrata in vigore o meno dello stesso comma 1 quater.

Giulio Aloisi a seguito dell'intervento dell'ANAR, che parlava di "mercato romano drogato da circa 6.000 autorizzazioni NCC provenienti da altri comuni", ha specificato alcuni passaggi relativi all'esiguo numero di autorizzazioni NCC rilasciate dal Comune di Roma ed all'esigenza degli operatori romani di aumentare il proprio parco auto per soddisfare la richiesta dell'utenza.

Il documento depositato verrà pubblicato sul nostro sito dopo il giorno 9 dicembre pv.

Intanto godetevi il video dell'audizione su questo link (l'intervento ANITrav al minuto 6.50 e 48.22):
 

Segreteria di Presidenza

Torna alla lista        Stampa
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni