Riportiamo solo alcuni brani della lettera che il nostro Presidente ha scritto ed inviato al Messaggero di Roma.

La lettera inizia così:


           "L’A.N.I.Tra.V. — Associazione Nazionale Imprese di Trasporto Viaggiatori, con sede in Roma, Piazzale Enrico Dunant, 57, 00152 — Roma, in persona del Presidente Sig. Mauro Ferri, C.F. 97264540580 in risposta ai numerosi articoli di Riccardo Tagliapietra pubblicati sul Vs. quotidiano espone quanto segue a rettifica di quanto erroneamente affermato.
Ed infatti, come prevede la Carta dei doveri del giornalista in materia di rettifica e replica “Il giornalista rispetta il diritto inviolabile del cittadino alla rettifica delle notizie inesatte o ritenute ingiustamente lesive. Rettifica quindi con tempestività e appropriato rilievo, anche in assenza di specifica richiesta, le informazioni che dopo la loro diffusione si siano rivelate inesatte o errate, soprattutto quando l'errore possa ledere o danneggiare singole persone, enti, categorie, associazioni o comunità. Il giornalista non deve dare notizia di accuse che possano danneggiare la reputazione e la dignità di una persona senza garantire opportunità di replica all'accusato”.

Il nostro Presidente chiarisce che :

            "E’ erroneo, inoltre, ritenere che l’attività di noleggio con conducente debba avvenire con rientro nella rimessa sita nel comune che ha rilasciato l’autorizzazione, in quanto le modifiche alla legge quadro 21/1992 che dispongono tale obbligo, oltre che in ogni caso incostituzionali e contrarie ai principi dell’Unione Europea, non sono attualmente in vigore per essere state sospese più volte e, da ultimo, sino al 31.12.2013."

Continua ancora :

            "Inoltre l’art. 13 comma 3 della legge 21/92 prevede che “il trasporto può essere effettuato  senza  limiti  territoriali”. E diversamente non potrebbe essere visto l’attuale contesto europeo nel quale sono stati aboliti tutti i confini territoriali.
            Appare, pertanto, totalmente legittimo che gli esercenti l’attività di noleggio con conducente, nella qualità di piccoli imprenditori, possano esercitare il servizio su Roma o in tutte le altre località dove venga richiesto il servizio (sempre purché vi sia un’apposita prenotazione per una determinata prestazione a tempo – c.d. disposizione – o viaggio) e tale fenomeno non dovrebbe destare alcuno stupore, diversamente da quello che traspare dalle notizie apparse sul Vs. quotidiano, né tantomeno suscitare sospetti di illegalità."

Concludendo:

           "Pertanto, tenuto conto dei fatti narrati, L’A.N.I.Tra.V. — Associazione Nazionale Imprese di Trasporto Viaggiatori, in persona del Presidente Sig. Mauro Ferri, al fine di tutelare i professionisti del settore, i fruitori del servizio di ncc, chiede che si voglia proporre una rettifica delle erronee informazioni riportate negli articoli relativi all’inchiesta sugli NCC e che, per il futuro, vogliate verificare le fonti anche normative delle notizie che arrivano alla Vs. redazione, preavvisandoVi sin d’ora che, in caso contrario, saranno adite le competenti autorità giudiziarie a tutela dei diritti degli operatori della categoria ivi incluso l’Ordine di riferimento che regola la deontologia giornalistica."

Il Direttore
Giuseppe Di Resta

 15 ottobre 2013
articolo protetto da diritti d'autore

 

Torna alla lista        Stampa
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni