Dal comunicato stampa del Comune di Roma:

"Lotta all’abusivismo: l’accesso all’interno della città e delle zone a traffico limitato per i noleggiatori con autorizzazione di altri comuni, verrà disciplinato con appositi moduli, definiti grazie a una delibera di Giunta. Per accedere, i conducenti dovranno esibire non solo la copia del libretto della vettura e della licenza, ma anche l’iscrizione alla Camera di Commercio e ruolo, posizione contributiva e posizione Inail. Tutti elementi necessari al rispetto delle regole e per evitare il lavoro nero."



Nel ringraziare la Federnoleggio, l'ANC, la Felsa e la FAI per il lavoro svolto con l'assessore Aurigemma e per le richieste fatte allo stesso assessore sventolando la bandiera del Fronte della Legalità, riportiamo alcuni punti del nuovo regolamento del Comune di Roma, cioè l'applicazione in parte dell'1 quater (norma congelata dal Governo per la sua palese incostituzionalità):
 

Art. 10 – Obblighi per il possessore di licenza o autorizzazione

Ogni titolare di licenza o autorizzazione per il trasporto pubblico non di linea incluso nelle figure giuridiche di cui all’art. 7 L. n. 21/1992 ed artt. 2 e 3 del D.Lgs. 81/2008, nonché ogni sostituto alla guida nominato dal titolare, a prescindere dal rapporto contrattuale tra le parti, ha l’obbligo entro il
31 dicembre di ogni anno di:
1) indicare medico competente, RSPP e RLS;
2) fare il corso antincendio;
3) effettuare annualmente aggiornamenti sulla sicurezza nel suo lavoro;
4) assumere regolarmente l’eventuale sostituto;
5) assicurarsi che il sostituto effettui i corsi e le visite d’obbligo annuali;
6) sottoporsi ai controlli sanitari preventivi per la valutazione dei rischi a tutela della salute e della sicurezza ai sensi degli artt. 25 e 18 del D.Lgs. in argomento, con specifica attestazione dell’assenza di alcolismo o tossicodipendenze (art. 41) o di qualsivoglia malattia che metta a repentaglio la guida. I documenti attestanti la presenza dei suddetti requisiti dovranno essere consegnatiall’Amministrazione Comunale, oltre che inseriti fra i titoli.
All’interno dell’autovettura dovrà tenersi anche il certificato medico di cui al punto 6 a disposizione di eventuali controlli.

L’Amministrazione Comunale, qualora non riceva la certificazione suddetta, provvederà alla sospensione della licenza fino all’avvenuta regolarizzazione.

A chiunque transita su tutto il territorio Comunale, alla guida dei veicoli pubblici regolamentati dalla legge n. 21 del 15 gennaio 1992, nel caso in cui al controllo della vettura e/o dei titoli in possesso del titolare o suo sostituto non vengano esibiti i certificati contenenti i requisiti previsti, dovrà essere sospeso l’esercizio pubblico della vettura; oltre alla sanzione prevista l’accertatore dovrà segnalare l’infrazione alla Pubblica Amministrazione che ha rilasciato il titolo.

E’ facoltà dell’Amministrazione Comunale, una volta ricevute le certificazioni d’obbligo, verificarne l’emissione presso l’organo certificante.


Art. 28 – Norme per l’esercizio del servizio N.C.C. nel territorio di Roma Capitale

1. Lo stazionamento delle autovetture di N.C.C. la cui autorizzazione è stata rilasciata da Roma Capitale, avviene esclusivamente all'interno delle rimesse indicate nell'autorizzazione stessa, in cui i veicoli devono sostare a disposizione dell'utenza.

 2. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 5 bis della L. 21/92, l’accesso al territorio di Roma Capitale ed alla ZTL è consentito ai titolari di autorizzazione di N.C.C. rilasciate da altri comuni che autocertifichino l’osservanza e la titolarità dei requisiti di operatività della succitata legge 21/92 e comunichino i dati relativi al singolo servizio.

3. Le modalità per il rilascio dell’autorizzazione necessaria ad accedere al territorio di Roma Capitale ed alla ZTL sono demandate alla Giunta Capitolina che con apposita Deliberazione ne approverà le procedure.

Poi qualcuno ci spiegherà quale è l'art. 5 bis della L 21/1992 !!??

Informiamo la categoria che già lunedì Anitrav inizierà le procedure per avviare un ricorso al TAR contro la Delibera di Giunta che ha approvato il Regolamento, nonchè procederà ad individuare eventuali aspetti penali della vicenda anche alla luce della diffida inviata al Sindaco di Roma Gianni Alemanno in merito alla Delibera n. 55/2010 (certificato medico).

Nella speranza che prima o poi questi scellerati vengano cancellati dalla politica prima della scadenza naturale dell'amministrazione sotto la guida di Alemanno, cerchiamo di resistere alle follie di tale mediocrità che purtroppo ha contaggiato tanti colleghi che avevamo al nostro fianco nella lotta per la VERA LEGALITA', quella della libertà di impresa, della libertà di stabilimento del libero esercizio e dell'erogazione dei servizi in tutto il territorio europeo e non quella legalità fondata sull'ottenimento del posticino alla Commissione Consultiva o all'ottenimento di una qualsivoglia concessione o subconcessione.

Cari NCC d'ITALIA preparatevi ad affilare le armi, crediamo proprio che presto dovremo scendere a Roma da tutto il Bel Paese, liberiamo Roma dai mediocrii....aiutateci per aiutare Voi stessi e le Vostre imprese, poichè tanta mediocrità ed incapacità danneggia di fatto tutto il Paese e l'1 Quater ne è la riprova !!!!

Il Presidente
Mauro Ferri
 

 

Torna alla lista        Stampa
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni