Programma Elettorale

Questi sono i punti cardine di quello che dovrà essere l'operato del candidato al consiglio regionale del Lazio quale rappresentante di una categoria che comprende tra imprese ncc vetture e ncc bus oltre 9.000 imprese nel Lazio con un impegno di risorse umane che raggiunge circa 20.000 unità lavorative.

 

N.C.C. (Noleggiatori Con Conducente)

 

1.     Modifica della legge Regionale del Lazio n. 58 del 26 ottobre 1993 attraverso l’abrogazione della Legge Regionale n 7/2005, meglio conosciuta come Legge Gargano, che ha modificato nel 2005 la normativa per le imprese NCC del Lazio limitando l’esercizio dell’attività  ai noleggiatori a vantaggio della lobby dei tassisti romani, determinando anche gravi distorsioni per il RUOLO dei CONDUCENTI perché ridotto a livello PROVINCIALE contrariamente a quanto stabilito dalla Legge 15 gennaio 1992 n. 21 e sul quale già si è espresso più volte l’ANTITRUST invitando, prima STORACE e poi la POLVERINI, a ricondurre la Legge Regionale sui binari della LEGALITA’;

2.     Inserimento nella Legge Regionale del Lazio n. 58 del 26 ottobre 1993 di uno o più emendamenti che tolgano di fatto la possibilità ai comuni, ed in particolar modo al Comune di Roma Capitale, di emanare regolamenti comunali illegittimi riguardo l’accesso alle ZTL e CORSIE PREFERENZIALI rispettando la Legge 15 gennaio 1992 n. 21 (VIGENTE), obbligando i comuni ad attingere alla BANCA DATI della MOTORIZZAZIONE CIVILE evitando inutili spese e perdita di tempo ai noleggiatori ed ai comuni stessi;

3.     Costituzione di un FONDO REGIONALE per CONTRIBUTI ECONOMICI alle imprese NCC che hanno sede nella Regione Lazio, riferiti ad incentivare l’acquisto di autovetture ecologiche (ibride, elettriche, ecc..), nonché riferite all’erogazione semplificata e agevolata del credito per le imprese in difficoltà a causa della grave situazione economica in cui versa il settore ed a sopperire ai mancati incassi provenienti da crediti nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche;

4. Inserimento in ambito regionale di una COMMISIONE atta a controllare il regolare svolgimento dell’esercizio del noleggio con conducente in modo da contrastare forme di abusivismo e forme di distorsione della concorrenza nel mercato, come ad esempio evasione degli oneri contributivi nei confronti dei dipendenti;

5. Riappropriazione di spazi lavorativi scippati da ONLUS, PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, BANCHE e CASE AUTOMOBILISTICHE che esercitano trasporto pubblico, conto terzi, con mezzi ad uso proprio, aggirando la normativa dettata dal C.d.S. e dalla Legge 15 gennaio 1992 n. 21 (Legge sui servizi pubblici non di linea). Questo fenomeno sottrae di fatto lavoro alle  strutture abilitate quali taxi ed N.C.C. con grave danno economico e di immagine delle stesse;

6. Intervento presso le Autorità aeroportuali, Fiumicino e Ciampino, atto a semplificare e a migliorare lo svolgimento del servizio NCC, come per esempio consentendo il pagamento del ticket anche presso le aerostazioni lato arrivi e/o partenze, individuando tra l’altro un’area totalmente distinta dal traffico privato;

7. Semplificazione degli accessi sottobordo presso il PORTO di CIVITAVECCHIA da parte delle imprese di noleggio con conducente intervenendo direttamente sull’Autorità Portuale e sulla società gestore dei servizi, RCT;

8. Segnalazione alla CORTE COSTITUZIONALE dell’incostituzionalità del comma 1 quater dell’art. 29 DL 207/2008 convertito in Legge 14 del 27/02/2009, proponendone l’abrogazione, atto che, se GIULIO ALOISI fosse eletto, potrebbe presentare in qualità di consigliere di amministrazione pubblica;

9. Proposta di Legge Regionale per la riduzione di parte delle accise sui carburanti di competenza regionale per tutte le imprese esercenti servizi pubblici non di linea, NCC e TAXI;

10.    IL CANDIDATO ALOISI, SE VENISSE ELETTO, INOLTRE HA DECISO DI DEVOLVERE IL 10% DEL PROPRIO STIPENDIO IN UN FONDO COSTITUITO PER IL SOSTENTAMENTO DELLE FAMIGLIE DEI NOLEGGIATORI COLPITE DALLA PERDITA DI SOSTEGNO ECONOMICO A SEGUITO DI INCIDENTI SUL LAVORO.

 

 

PICCOLE E MEDIE IMPRESE BUS

 

1.     Nel lontano 2003 il Governo Italiano con la Legge 11 agosto 2003 n. 218 recepisce la normativa CE  sulle imprese di trasporto viaggiatori mediante noleggio autobus con conducente, tale Legge sarebbe dovuta essere recepita dalle regioni, molte lo hanno fatto, la Regione Lazio a distanza di 10 anni è ancora inottemperante… se GIULIO ALOISI fosse eletto, come priorità avrà il compito di far recepire la normativa nazionale 218/2003 alla Regione Lazio; il ritardo del recepimento sta mettendo le imprese laziali in notevole difficoltà non solo relativamente alle semplificazioni per l’accesso alla professione ma anche per l’impossibilità di competere nel mercato europeo ed addirittura nazionale con imprese che invece operano a norma della 218;

2.     Immediato intervento presso le casse regionali del Lazio per lo sblocco dei pagamenti dei CREDITI che le imprese BUS hanno per la GESTIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE;

3.     Impegno ad ampliare gli affidamenti di trasporto pubblico di linea nelle tratte oggi sofferenti per la mala gestione pubblica del trasporto pendolare come ad esempio la tratta Torvajanica-Pomezia-Roma Laurentina e quella Torvajanica-Campo Ascolano – Lido Centro;

4.     Proposta di Legge Regionale per la riduzione di parte delle accise sui carburanti di competenza regionale per tutte le imprese esercenti servizi di trasporto mediante NCC autobus;

5.     Inserimento nella Legge Regionale di riferimento di una norma che ottimizzi gli accessi nei comuni del territorio di competenza, agevolando la salita e discesa dei passeggeri presso gli attrattori turistici, portando inoltre alla riduzione degli oneri, anche e soprattutto economici, per le imprese relativi agli accessi nelle zone centrali delle città;

6.     Istituzione di un OSSERVATORIO PERMANENTE con la partecipazione delle associazioni di categoria più rappresentative a livello locale e nazionale.

 Vorremmo inoltre che il candidato noleggiatore mostrasse anche l'interesse alla soluzione della vertenza ncc/taxi, e si impegnasse anche alla costituzione di un tavolo regionale ove mettere tassisti e noleggiatori insieme per abbattere quelle barriere che li dividono concettualmente, con l'intento di ridefinire gli spazi di competenza nel mercato del trasporto persone e far si di ricollocare e riprendere possesso di spazi sottratti da surrogati di servizi del trasporto persone effettuati in barba delle norme in vigore, perchè noi diciamo basta alla guerra tra taxi ed ncc e chiediamo una allenza per abbattere quelle vere forme di abusivismo messe in atto da attività che tolgono servizi sia ai taxi che agli ncc, non è possibile che alberghi, centri sportivi, onlus, agenzie che gestiscono grandi eventi ecc. facciano servizi di trasporto persone violando le norme di sicurezza e contributive previste dagli organi di competenza...un'alleanza per modificare l'art. 82 del Codice della Strada, prevedendo che si intendesse come "corrispettivo" qualsiasi forma di ritorno economico quale per esempio il lancio pubblicitario di nuove autovetture (vedi eventi tipo festival del Cinema ove le Case Costruttrici di automobili mettono a disposizione vetture guidate da driver senza titoli per l'esercizio del trasporto persone e con contrattini non regolari per il settore).
Anche su questo punto lanciamo la sfida a Giulio Aloisi ed attendiamo una risposta !!!

Il Presidente
Mauro Ferri

 

 Roma lì, 30 gennaio 2013

Torna alla lista        Stampa
Documenti collegati:
Nuova Volvo S90 per NCC

Anitrav Aquae


Associati AnitraV

vantaggi e convenzioni